sabato 24 maggio 2014

Strade

In autostrada di notte, non c'è miglior cosa di questo. La voglia di arrivare ma anche il desiderio di proseguire verso una destinazione ignota. La voglia di abbassare il finestrino e respirare a pieni polmoni l'aria estiva. Ah sì perché non c'è miglior cosa di un viaggio estivo in un giorno nel quale l'autostrada è vuota e poi c'è il deserto; miglia e miglia di desolazione senza che una sola anima segnali la sua presenza. La notte è profonda, la notte è maligna, sarà per quello che mi piace viaggiare di notte? O perché il giorno è innocuo e banale?
Non so dove mi porterà questo mio viaggio, questa mattina semplicemente mi sono svegliato e ho deciso di partire, con un piccola valigia, qualche foglio e pochi soldi. Ho visitato qualche locale durante il mio viaggio notturno, ho visto le creature della notte: uomini depressi con una pinta in mano, donne che si vendono per pochi spiccioli, amici che parlano in silenzio di progetti misteriosi e allegre combriccole in viaggio come me, ma loro conoscono la loro meta. Ho parlato con i ragazzi e ho sentito in loro la gioia di essere giovani e di essere liberi, mi hanno fatto sentire un po' meno vecchio, meno solo. Da quando mia moglie se n'è andata le mie giornate erano diventate tutte uguali giù al ranch. Ma il mio viaggio nella notte prosegue, accendo la radio e mi sento libero come quei ragazzi che ho incontrato prima, la dolce brezza estiva mi schiaffeggia ma sono troppo felice perciò mi lascio prendere a schiaffi. Metto la mano fuori dal finestrino e canticchio quella melodia che mi ricorda sempre chi sono veramente. In realtà sono solo un vecchio come tanti però mi stupisco ancora come un bambino davanti a certi bellissimi spettacoli, la natura mi ha sorpreso tante volte e anche questa sera non è da meno, davanti a me ci sono solo alcune luci solitarie di altre macchine che percorrono la notte. Sono solo e per la prima volta in vita mia questa condizione mi piace.
Ma ora scusate devo proprio proseguire questo mio viaggio su queste strade sconosciute.


Ispirata da questa foto:
winterfellis:

6 a.m. commute by Avard Woolaver on Flickr.
6 a.m. commute by Avard Woolaver on Flickr

2 commenti:

  1. Le autostrade invece mi fanno paura,le ho sempre viste come delle terre di nessuno.
    Dei deserti dove vige la velocità più totale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio personaggio è molto coraggioso anch'io ho la fifa delle autostrade son fobie che non fanno bene XD

      Elimina